Invia articolo Stampa articolo
Calciatori "nottambuli" col Lecco allo sbando: arrivano le punizioni

CHE NOTTE... Povero Lecco: un episodio poco bello si aggiunge alle disgrazie sportive della squadra.

Lecco - Il Corriere di Lecco aveva visto giusto chiedendosi se sia normale che due calciatori professionisti se ne vadano a dormire alle 3 di notte. Lo abbiamo scritto e il giorno dopo riceviamo la conferma che la cosa tanto regolare non è: un comunicato della società bluceleste annuncia sanzioni esemplari per la scappatella di una notte dei due tesserati.

ORARIO NON CONSENTITO. "La società Calcio Lecco 1912 spa, adotterà severi provvedimenti - si legge nella nota - nei confronti dei propri tesserati", cioè dei calciatori Alessandro Caforio e Andrea Boatto, in quanto rincasati "ad un orario non consentito dal regolamento interno". In quella circostanza, ribadisce la società, "i due giovani rientrati nella propria abitazione nella notte di Venerdì 27 Ottobre 2011, ad un orario non consentito dal regolamento interno, sono stati avvicinati da alcuni ignoti ed apostrofati verbalmente".

NESSUNA VIOLENZA. Niente botte nè violenza nell'incontro notturno, ma probabilmente la collera di qualche tifoso nel vedere che dei calciatori impegnati in un momento tanto difficile per la loro squadra, e che richiederebbe il massimo della concentrazione e dell'energia, passavano le notti in bianco. Quei tifosi si saranno sentiti presi in giro, avranno pensato che mister Maurizio Pellegrino non ha tanto da spremersi le meningi per venire a capo del "male oscuro" che rammollisce alcuni prodi pedatori blucelesti. In verità, si parla della scappatella (quanto mai inopportuna) di una notte sola.

BRUTTO SEGNO. La croce, certamente, non va gettata addosso a tutta la squadra. Ma è un gran brutto segno che due ragazzi, uno dei quali minorenne, rincasino alle 3 di notte oltretutto in una situazione talmente critica per la squadra. E infatti le annunciate sanzioni si spiegano con l'evidenza che è difficile pretendere prestazioni dignitose in campo da chi, probabilmente, il meglio di sè l'ha già dato altrove. A quanto pare, nel Lecco i chiarimenti non necessitano solo a livello dirigenziale.

Nella foto: l'allenatore Maurizio Pellegrino.

Leggi anche: Calciatori "strapazzati": in giro alle 3 di notte.

29 ottobre 2011