Invia articolo Stampa articolo
Il cantiere del tribunale di Lecco bonificato dalle forze dell'ordine

Lecco (Lècch) - Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia locale hanno bonificato l'area di cantiere del tribunale, in piazza Affari a Lecco, spesso frequentato da soggetti che creano problemi. Durante l'operazione sono state intercettate tre persone che bivaccavano sotto i portici.

L'intervento nelle prime ora della mattinata odierna. Il servizio interforze, coordinato dalla Polizia di Stato, è stato disposto a seguito di segnalazioni che lo stabile, soprattutto nelle ore pomeridiane e notturne, era occupato da gruppi di ragazzi che danno vita a situazioni di disturbo, nonché a furti e reati predatori in genere.

Inoltre, nelle ore notturne, era stato segnalato che qui risultano bivaccare in condizioni di degrado igienico sanitario diverse persone, per lo più straniere, con pericolo per la loro incolumità, alcune delle quali anche in stato di ubriachezza.

Questa situazione, peraltro già oggetto di apposito Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico tenutosi in prefettura e del relativo tavolo tecnico svoltosi in questura, aveva creato una condizione di degrado e di pericolo per la sicurezza urbana, con crescente allarme sociale e criticità anche sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, che ha reso necessario un tempestivo intervento di bonifica e pulizia, con relativo sgombero dell’area.

Allo scopo di contrastare e porre fine alla situazione di degrado, nella mattinata odierna agenti della Polizia di Stato, coadiuvati da militari dell’Arma dei Carabinieri e da agenti della Polizia locale di Lecco, si sono recati in piazza Affari per bonificare la zona e mettere in sicurezza l'area cantiere, con l’ausilio di personale specializzato che ha provveduto a cinturare lo stabile con appositi pannelli rigidi.

Nel frangente, sono state individuate ed identificate tre persone di nazionalità straniera che stavano bivaccando sotto il porticato di piazza Affari, una delle quali è risultata in posizione irregolare, ragione per la quale sono state avviate nei suoi confronti le procedure ai fini dell’espulsione dal territorio nazionale.

Dalla questura viene inoltre reso noto che, con apposita ordinanza del questore di Lecco Ottavio Aragona, sono in programma mirati servizi di ordine e sicurezza pubblica, da attuarsi con l’impiego equipaggi delle diverse forze di polizia (Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di finanza, Polizia locale), nelle fasce orarie pomeridiane e/o serali per tutto il periodo estivo.

9 luglio 2024