Invia articolo Stampa articolo
Sorpresa, il referendum "tira" più del duello tra candidati sindaci

Lecco (Lècch) - In calo l'affluenza alle urne delle comunali. E il taglio dei parlamentari interessa più della sfida tra candidati: nei Comuni dove si vota per il sindaco, il numero dei votanti per il referendum supera ampiamente quello delle amministrative.

Sensibile il calo di votanti in diversi comuni, pur tenendo presente che non si tratta del dato difinitivo, visto che le urne resteranno aperte anche nella mattinata di domani. A Ballabio, ad esempio, l'affluenza delle 23 di Domenica  fa registrare un 56,52%, a dispetto del 61,49% per cento del  2015 (mentre nell'elezione ancora precedente la percentuale arrivava addirittura al 79,55).

Ma il dato forse più sorprendente è nel confronto tra affluenza al voto referendario rispetto a quello comunale. Diversi cittadini hanno esercitato l'opzione sul taglio dei parlamentari ma hanno snobbato le schede dei candidati sindaci.

Di seguito il dato di affluenza alle comunali e, accanto, al referendum costituzionale.

LECCO 50,53% - 54,02%
BALLABIO  56,52 - 58,16
CALCO 48,38 - 49,73
ESINO LARIO 46,44 - 59,20
MANDELLO DEL LARIO  50,38 - 53,49
SUEGLIO  30,31 - 59,23
LA VALLETTA 44,60 - N.P.

21 settembre 2020