Invia articolo Stampa articolo
Cimiteri chiusi e alle tombe ci pensa il Comune di Ballabio

Ballabio (Balàbi) - I cimiteri sono chiusi, così il sindaco ha deciso che sia il Comune a  prendersi cura delle tombe. E, in occasione della Pasqua, non manca la delicatezza di un ramoscello d'ulivo su ogni tomba. Sabato 11 aprile, alle 15, vi sarà anche la benezione in comunione con tutto il paese.

"Le misure adottate contro la diffusione della pandemia da Coronavirus - spiega Alessandra Consonni - impediscono di recarci in visita ai cari defunti in occasione della Santa Pasqua. Ho, dunque, ritenuto disporre che, in questi giorni, il Comune si prendesse cura di tutte le tombe dei nostri cimiteri, rimuovendo erbacce e fiori appassiti, garantendone pulizia e decoro, provvedendo inoltre a deporre su ciascuna di esse il ramoscello di ulivo pasquale".

"Inoltre - aggiunge il sindaco -, d’intesa con il reverendo parroco don Benvenuto,  è stata considerata l’opportunità di una visita ai due cimiteri. Nella giornata di sabato 11 aprile, alle ore 15.00, il sacerdote impartirà una speciale benedizione ai defunti in comunione con il paese: a quell’ora tutti i ballabiesi sono invitati a ricordare i propri morti e le vittime della pandemia con il pensiero o la preghiera (idealmente) assieme ai nostri sacerdoti".

"Ringrazio i nostri sacerdoti  - conclude - per la cura pastorale dimostrata anche in questa circostanza e ringrazio gli operatori comunali per il lavoro eseguito nei cimiteri, in particolare Giusy Adamoli che ha, inoltre, voluto offrire dei fiori per i campisanti. Invito tutti i cittadini a un momento di raccoglimento, ovunque si trovino, alle ore 15.00 di sabato 11 aprile".

10 aprile 2020