Invia articolo Stampa articolo
Una festa di popolo per la Casetta nel parco

Ballabio (Balàbi) - "Grazie a tutti per aver riempito la casetta!". Così Alessandra Consonni saluta dalla sua pagina fb concittadini e ospiti venuti che sabato hanno partecipato all'inaugurazione della bella baita in legno destinata a rimpiazzare il vecchio tendone nel parco Grignetta, inagibile per metà dell'anno a causa delle condizioni climatiche.

Al taglio del nastro, verso le ore 14,00, il sindaco Alessandra Consonni, l'assessore ai Lavori pubblici Anna Consonni, l'assessore alle politiche sociali Sara Gattinoni, i consiglieri Barbara Crimella e Antonio Locatelli, l'assessore Alessandro Paroli della Comunità montana Lario Orientale.

Presenti anche il parroco di Ballabio don Benvenuto Riva, che ha benedetto la nuova struttura, e diversi esponenti di enti e associazioni ballabiesi, come Anemoli e Calumer per il Cai, Brivio per l'Asc Ballabio, Cristina Ripamonti per il Comitato gemellaggi, De Micheli per la Pro Loco e Checchin con la Protezione civile, reduce da un'importante intervento di prevenzione calamità in paese.

La nuova struttura, una capiente e luminosa baita in legno che si integra perfettamente nell'ambiente di un parco di montagna, è stata positivamente "collaudata" proprio dai volontari della Protezione Civile di Ballabio, assieme ad alcuni colleghi di Imbersago, Colico e Cortenova, con cui avevano partecipato in mattinata all'operazione Fiumi Sicuri.

Nel discorso d'inaugurazione, Alessandra Consonni ha rivelato: "Un giorno una cittadina mi disse: «Sindaco, che bel parco e che cucina! Peccato che, dato il nostro clima, possa essere utilizzato pienamente solo per meno della metà dell'anno». Quella che vediamo oggi è la risposta dell'amministrazione comunale, non solo dal punto di vista gastronomico, perchè questa baita si presta a ospitare incontri pubblici, spettacoli, corsi, attività extrascolastiche e ogni genere di iniziativa anche turistica".

"Una struttura davvero bella e compatibile con un parco di montagna - ha aggiunto il sindaco -, che occupa lo stesso spazio del tendone precedente, il quale era inagibile diversi mesi l'anno, e consente di organizzare al proprio interno eventi in ogni stagione e orario, senza dover più annullarli a causa del meteo. La casetta è in legno ignifugo, dotata di corrente elettrica, usufruisce del wifi free che abbiamo installato nel parco e viene rapidamente riscaldata tramite una stufa di portata idonea".

"Stanno già arrivando diverse richieste da parte di associazioni. E' mio desiderio - ha concluso Alessandra Consonni - che sia disponibile al più ampio numero di persone, specie ai giovani, anche in orario serale: nel prossimo consiglio comunale verrà portato il regolamento per l'utilizzo, e poi i cittadini potranno avvalersi della struttura. Ringrazio l'assessore Anna Consonni, la Regione Lombardia, le comunità montane del Lario Orientale e della Valsassina, e tutti coloro che si sono dedicati alla realizzazione dell'opera, per l'ottimo lavoro eseguito, che offre a Ballabio quello che ancora mancava, e rappresenta un'opportunità in più per essere un paese vivo 12 mesi l'anno".

Unanime l'apprezzamento dei presenti, piacevolmente sorpresi dalla bellezza e dall'accogliente funzionalità della Casetta. Resta da completare il definitivo "contorno" alla baita, che verrà stabilmente ultimato secondo gli ovvi crismi dell'accessibilità per tutti. Una particolarità è che l'edificio, in legno ignifugo, non può prendere fuoco e il trattamento ricevuto dal materiale di costruzione costituisce di per sè un dispositivo di sicurezza antincendio.

Foto da facebook

17 marzo 2019