Invia articolo Stampa articolo
Migranti urinano sui mezzi dei pompieri: arriva la Ps e son botte

Lecco (Lècch) - Dei migranti trattavano i mezzi dei Vigili del Fuoco come dei gabinetti, dove andare a fare i propri bisogni, e come dei ripari in cui bivaccare. All'arrivo della Polizia sono volate le botte, con due agenti rimasti contusi.

L'incredibile episodio, significativo del livello di degrado sociale in cui l'Italia è piombata spalancando le proprie frontiere a tutti gli incivili, è accaduto nel pomeriggio di mercoledì in via Don Ticozzi a Lecco.

Personale della Polizia di Stato - Squadra Volanti è intervenuto in seguito alla segnalazione di persone che bivaccavano ed urinavano sui mezzi di soccorso dei Vigili del fuoco dismessi, depositati all’interno di un’area demaniale. Giunti sul posto i poliziotti hanno rilevato che l’area indicata risultava apparentemente priva di persone e con il cancello chiuso.

Assieme a personale dei Vigili del fuoco, gli agenti hanno ispezionato il piazzale ed in particolare i veicoli in deposito. All’interno di un automezzo è stato sorpreso uno straniero addormentato, poi identificato, un 29enne di origini nigeriane, regolare sul territorio nazionale, che si è dimostrato tranquillo e collaborativo. Durante il controllo è stata notata un’altra persona che, scavalcando la recinzione dalla pista ciclabile, si introduceva nella stessa area.

I poliziotti hanno pertanto proceduto anche al controllo di quest’ultimo, il quale è risultato privo di qualsiasi documento d’identità e quindi accompagnato in Questura per accertamenti. Nel frattempo i Vigili del fuoco presenti hanno segnalato l’arrivo di un terzo straniero all’interno dell’area, il quale incurante della presenza degli agenti si dirigeva verso i veicoli in sosta rifiutandosi più volte, ad esplicita richiesta, di esibire ai poliziotti un documento d’identità.

Con atteggiamento sprezzante e stizzito, indifferente all’ordine impartito, l'immigrato è entrato in un autoveicolo dei Vvff, ha preso i suoi effetti personali e si è allontanato. I poliziotti lo hanno raggiunto ed a questo punto il soggetto è diventato improvvisamente violento, spintonando gli agenti che lo invitavano alla calma.

La situazione è presto degenerata. Lo straniero ha colpito un poliziotto al volto con una valigia rigida in suo possesso, dando origine ad una colluttazione in cui sono rimasti feriti due agenti con prognosi rispettivamente di 5 e 10 giorni. ed alla fine lo stesso veniva immobilizzato.

Mentre sul posto giungeva in ausilio anche un’altra Volante della Polizia di Stato, l'immigrato è stato immobilizzato. Si tratta di O.B., 25enne di origini nigeriane, irregolare sul territorio nazionale, accompagnato negli Uffici della Questura e tratto in arresto per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

L’altro soggetto precedentemente accompagnato in Questura, identificato per E.M., 26enne nigeriano, è stato invece denunciato all’autorità giudiziaria per il reato di ingresso e soggiorno illegale nel territorio dello Stato. Nella mattinata odierna presso il Tribunale di Lecco ha avuto luogo il rito direttissimo, dove l’arresto è stato convalidato ed al reo è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere in attesa di giudizio.

17 gennaio 2019