Invia articolo Stampa articolo
Aido Ballabio attacca Salvini pubblicando le invettive di Renzi

Ballabio (Balàbi) - La pagina facebook dell'Aido Ballabio veicolo di invettive piddine contro Matteo Salvini. Il ministro dell'Interno accusato di "fanatismo" e di essere nemico della scienza: parola di Matteo Renzi, a cui l'Aido ballabiese ha offerto, un paio di settimane fa, il "megafono" del proprio spazio social.

L'episodio risale allo scorso 22 giugno. Nella notte la pagina facebook dell'Aido di Ballabio condivide un post di Matteo Renzi, il quale diffonde una critica del medico Roberto Burioni contro le idee del ministro dell'Interno in fatto di vaccini.

Il post di Renzi pubblicato sulla pagina facebook dell'Aido di Ballabio si conclude così: "Roberto Burioni contro Matteo Salvini ovvero la scienza contro il fanatismo. Siamo davvero #altracosa rispetto a questo Governo. #salvinata #neuro". Ovviamente l'Aido è libero di esprimersi a favore dei vaccini; è cosa molto diversa, invece, che un'associazione che si pretende apolitica entri in una questione sanitaria diffondendo un post del leader del Pd, che si conclude con un pesante giudizio di fanatismo nei confronti del ministro dell'Interno.

Ma chi è l'Aido di Ballabio? La carica di responsabile del gruppo Aido Ballabio è recentemente passata da Giacomo Colombo alla figlia Camilla. Colombo, vicepresidente provinciale di Lecco dell'Aido, considerato storico esponente della sinistra di Ballabio, fu assessore nella giunta targata Pd dell'allora sindaco Luigi Pontiggia, con cui ruppe per poi candidarsi lui stesso a sindaco senza successo.

L'esponente Aido è impegnato in una curiosa bega con l'amministrazione comunale di Ballabio a cui rimprovera incessantemente di non aver ancora aderito al progetto Scelta comune: da notare che, in tutta la Valsassina, l'adesione è giunta solo da due Comuni su 15, anche in considerazione di questioni amministrative di cui lo stesso rappresentante dell'Aido è perfettamente a conoscenza. Colombo, però, insiste nelle lamentele con il solo sindaco (leghista) a capo della civica ballabiese.

Ora questo alzo del tiro, con l'attacco renziano addirittura al segretario della Lega. Vicenda che, inevitabilmente, riapre la discussione sui coinvolgimenti politici del gruppo dirigente Aido lecchese. Su alcune testate locali, infatti, era stato osservato che il vertice dell'Aido espresso dal territorio di Lecco avesse o avesse avuto ruoli in amministrazioni del maggior partito della sinistra, a cominciare dal presidente regionale Giovanni Ravasi (già vicesindaco ad Airuno in giunta di area piddina), e dal presidente provinciale Antonio Sartor (portavoce del Pd di Olginate).

Nella foto: immagine di Matteo Renzi.

8 luglio 2018