Invia articolo Stampa articolo
Presidio Pd, con pendolare di lusso, alle stazioni del Lecchese

Merate (Meràa) - C'è chi il treno, da Lecco e dintorni, lo prende tutti i giorni per andare al lavoro e chi per recarsi al Pirellone a fare politica: due categorie unite, nelle intenzioni del Pd, dalla lotta per "dare ai pendolari un servizio migliore". Il "pendolare di lusso" in questione è il consigliere regionale piddino Raffaele Straniero.

"Per quanto riguarda la provincia di Lecco - annuncia Straniero - effettueremo un presidio nelle stazioni di Cernusco-Merate dalle ore 7 alle 8 e, con trasferimento sul treno delle 8,01, saremo a Osnago dalle ore 8,05 alle 8,45".

Il tutto nel quadro della mobilitazione pensata dal gruppo consiliare regionale del Pd della Lombardia per giovedì 16 novembre nelle stazioni ferroviarie. Lo scopo, afferma il partito, è di "promuovere un'azione di vicinanza ai problemi dei pendolari, di protesta nei confronti di un servizio ferroviario regionale che riteniamo inadeguato e di proposte per una sua migliore organizzazione".

Perchè Merate e Osnago? "Sono due stazioni – spiega Straniero - che si trovano su una delle linee ferroviarie più problematiche della nostra regione, dove i disagi sono all’ordine del giorno e complicano ulteriormente la vita dei pendolari tra ritardi, soppressioni, guasti di ogni genere e sovraffollamenti. In parole semplici - conclude - vogliamo treni più puntuali, più vivibili e soprattutto più sicuri, insomma, come dice lo slogan del nostro volantino, Treni per vivere e non da piangere!".

Nella foto: Raffaele Straniero in versione pendolare.

14 novembre 2017