Invia articolo Stampa articolo
Barzio, quell'Aida che sembra maomettana

Barzio (Bàrs) - Al tempo dei faraoni, ovviamente, Maometto manco era nato, ma la locandina che annuncia l'Aida a Barzio ritrae la protagonista col volto integralmente coperto, alla moda delle mussulmane.

IL BISOGNO. C'era bisogno di raffigurare l'Aida in una tenuta che fa pensare alle donne maomettane? Soprattutto ricordando che l'Aida è sempre stata presentata molto poco vestita, «con le zinne fora» per dirla come una famosa canzone degli Squallor dedicata all'opera verdiana.

PRINCIPESSA. In effetti Aida è una principessa etiope, catturata e fatta schiava dagli egiziani, assegnata come ancella alla corte del faraone, dove i costumi erano ben diversi da qualsiasi moda che potesse aver ispirato, molto dopo, Maometto. La rappresentazione dell'Aida annunciata da questa locandina è in calendario il 30 luglio, alle ore 16,30, presso il Pala Acel di Barzio, con l'accompagnamento della Banda de I Martinitt.

24 luglio 2017