Invia articolo Stampa articolo
Lecco celebra con una cartolina l'intervento alla statua di Manzoni
Lecco (Lècch) - Anche una cartolina commemorativa per celebrare il restauro del monumento ad Alessandro Manzoni,  nella omonima piazza di Lecco. L'esito dei lavori è stato presentato nel pomeriggio di lunedì in Sala consiliare, con l'assessore ai lavori pubblici Corrado Valsecchi e il maestro restauratore Giacomo Luzzana.

LA RELAZIONE. Di seguito, pubblichiamo alcuni stralci dalla relazione del restauratore. Nel documento sono evidenziate le difficoltà riscontrate per portare a termine l'intervento di riqualificazione.
 
DEGRADO. «La scultura dello scrittore - si legge nel documento - presentava diverse forme di degrado, in modo particolare, oltre  al generalizzato sporco pulverulento, vi erano numerose stuccature e depositi che  alteravano notevolmente  le  superfici. Le stuccature erano state eseguite con materiale diverso, probabilmente in  due  differenti  interventi  di  restauro. Vi erano anche sali e prodotti di corrosione, tra cui composti di rame. Un deposito con incrostazioni era osservabile sulla mano destra».
 
LE INDAGINI. L'intervento è stato preceduto da una serie di indagini diagnostiche, concordate con gli organismi di tutela per  capire  più  a  fondo  lo  stato  di  fatto del  monumento.  Sono  stati  prelevati  ed  analizzati campioni delle stuccature e delle efflorescenze. Leanalisi di laboratorio hanno rilevato la presenza di resina acrilica e talco in alcune stuccature (altre erano state eseguite con stucco da carrozziere) mentre l’evidente incrostazione sul dito era costituita da gesso.  
 
LA CONDENSA. Sempre in tale fase preliminare si è analizzato l'interno della statua rimuovendo lo sportello sotto la poltrona. Si è così appurato che le condizioni termoigrometriche interne erano tali da raggiungere le condizioni di condensa. Per far fronte a tale problematica si è stato deciso di eseguire numerosi fori di aerazione nello sportello.

LE AGGRESSIONI. L'esecuzione di tutti gli interventi necessari, peraltro, non mette al riparo il monumento dalle aggressioni del tempo, degli eventi atmosferici, e dello smog. «Le analisi effettuate e l’osservazione attenta e ravvicinata delle superfici - conclde il restauratore - hanno rilevato un monumento di per sé fragile. Sarà particolarmente importante prevedere un'oculata manutenzione programmata».

Nella foto: la cartolina col Manzoni prima/dopo.
 
16 maggio 2016