Invia articolo Stampa articolo
Lecco, Forza Nuova: «Punire i patetici»

Lecco (Lècch) - «Venti patetici elementi» hanno disturbato la quarantina di militanti di Forza Nuova Lecco che stavano raccogliendo adesioni al loro gazebo, autorizzato, in centro a Lecco. E il movimento di estrema destra chiede che vengano presi «severi provvedimenti» contro i partecipanti all'adunata non autorizzata.

RISCONTRO. L'episodio è accadduto nel pomeriggio di sabato, in occasione del gazebo di Forza Nuova in piazza Garibaldi, dedicato al tesseramento 2016, svoltosi con «ottimo riscontro tra i lecchesi, con centinaia di volantini di propaganda distribuiti e decine di tessere fatte».

PRESIDIO NON AUTORIZZATO. «Durante il gazebo autorizzato di Forza Nuova c'è stata un'attività - prosegue il movimento di estrema destra - ovviamente non autorizzata di volantinaggio prima (a poche decine di metri dal gazebo) e di presidio poi con tanto di megafono da parte dei sedicenti antagonisti, che hanno cercato di provocare in tutti i modi la reazione degli oltre 30 Forzanovisti presenti. Grazie al buon senso e alla serietà dimostrata dai forzanovisti non si sono verificati scontri tra le due fazioni».

DANNI ECONOMICI. Forza Nuova denuncia che, in quella circostanza, alcuni «disadattati» avrebbero insultato i militanti di destra. «Inammissibile», pertanto, che vengano «disturbate le attività regolarmente preannunciate ed autorizzate di Forza Nuova, arrecando ulteriori danni economici ai negozianti del centro già tartassati da tasse e balzelli, facendo inoltre sprecare ulteriormente denaro pubblico per l'impiego delle forze dell'ordine. Forza Nuova tornerà presto a Lecco ed in provincia al fianco ed in difesa del popolo italiano, augurandoci che la questura prenda duri provvedimenti contro tali patetici elementi».

8 febbraio 2016