Invia articolo Stampa articolo
Ballabio, “trasparenza” sull'acqua che si beve

Ballabio - Acqua della casetta sì, ma senza sorprese. Una interrogazione del gruppo di opposizione Ballabio Nostra viene accolta dal sindaco Luigi Pontiggia che promette "trasparenza" per l'acqua bevuta nel paese della Valsassina.

DATE DELLA MANUTENZIONE. Nel documento presentato venerdì dai consiglieri della lista civica sostenuta dalla Lega Nord, Alessandra Consonni, Barbara Crimella e Antonio Locatelli, si chiede "perché non si provveda a rendere noto ai cittadini, esponendola sulla stessa casetta, la data dell'ultima manutenzione eseguita" e "perché non si rendono noti, con periodica regolarità, i risultati delle analisi effettuate dalla società Idrolario sull'acqua dell'acquedotto comunale, pubblicandoli sul sito del Comune come avviene in altre località".

"RUBINETTI" SICURI. Quindi, una richiesta volta ad ottenere la massima garanzia per l'acqua della casetta, come per quella del rubinetto. Richiesta a cui il sindaco ha risposto favorevolmente, senza alcun indugio, nella stessa seduta del Consiglio comunale. I ballabiesi, dunque, avranno la possibilità di sapere cosa bevono. Di seguito pubblichiamo il testo integrale dell'interrogazione.

Comune di Ballabio - Gruppo consiliare Ballabio Nostra. Interrogazione su "manutenzione alla casetta dell'acqua e relativa informazione ai cittadini", al sig. Sindaco.

PREMESSO: che nel nostro comune è stata allestita una struttura, cosiddetta casetta dell'acqua, che vende ai cittadini l'acqua pubblica filtrata attraverso un congegno depuratore; che associazioni di consumatori hanno sottolineato la necessità della corretta, periodica e frequente pulizia dei filtri in apparecchi di questo genere, per impedire che al loro interno si sviluppino batteri pericolosi per la salute; che la società Idrolario, su richiesta delle amministrazioni comunali, fornisce gli esiti delle analisi eseguite sull'acqua degli acquedotti comunali,

SI CHIEDE DI SAPERE: da dove risulti l'esecuzione delle periodiche indispensabili manutenzioni della casetta dell'acqua; perché non si provveda a rendere noto ai cittadini, esponendola sulla stessa casetta, la data dell'ultima manutenzione eseguita; perché non si rendono noti, con periodica regolarità, i risultati delle analisi effettuate dalla società Idrolario sull'acqua dell'acquedotto comunale, pubblicandoli sul sito del Comune come avviene in altre località.

I consiglieri comunali di Ballabio Nostra: Alessandra Consonni, Barbara Crimella, Antonio Locatelli.

Nella foto: la casetta dell'acqua di Ballabio.

27 novembre 2011