Invia articolo Stampa articolo
Lecco, cinque anni fa moriva padre Locati

Lecco (Lècch) - Cinque anni fa moriva a Lecco padre Pietro Locati, missionario del Pime in Brasile e, nell'ultima parte della sua vita, pastore d'anime sotto il Resegone. Una straordinaria figura di sacerdote rimasta nel cuore di tanti cristiani, non solo lecchesi.

IL PALADINO. Il 16 dicembre 2009 la Messa tradizionale perdeva uno dei suoi paladini e il Cielo acquistava un santo prete: il Signore aveva chiamato a Sè l'anima fervente di padre Pietro Locati, 90 anni, missionario del Pime nelle foreste amazzoniche del Brasile e zelante apostolo di carità e retta dottrina nell'amata terra lecchese.

MESSA DI SEMPRE. Nella casa del Pime, a Rancio, padre Locati era caparbiamente riuscito ad ottenere di poter officiare la "Messa di sempre", il rito pre-conciliare in latino e con il celebrante rivolto al tabernacolo (precedendo di anni la decisione con cui Benedetto XVI ha liberalizzato l'antica liturgia, vittima dell'ostracismo seguito alle innovazioni del Vaticano II). Intorno a quella venerabile liturgia, padre Locati raccolse un nutrito gruppo di fedeli lecchesi, che continuò ad edificare cristianamente sino alla morte.

L'AEROPORTO. «L'aeroporto per il Paradiso»: così padre Pietro chiamava la casa del Pime di Rancio, dove alloggiava assieme ad altri "reduci" della missione, anziani sacerdoti che concludevano la loro esistenza sotto il San Martino. Non lo avevano fermato le ferite, le sanguisughe, le belve, la fame, le febbri, quando percorreva centinaia di chilometri nelle foreste selvagge alla ricerca di indigeni da conquistare a Cristo: soffrì di più per le ferite inferte alla Chiesa, corpo mistico del Signore, da una nuova religione che gli appariva distante dal Vangelo molto più di quanto fossero state lontane le sue mete di missione.

TESORI DI PIETRO. Nel quinto anniversario della sua morte, padre Locati è stato ricordato con una Messa di suffragio, in rito tradizionale, celebrata da don Luigi Moncalero presso il Priorato san Marco della Fraternità sacerdotale san Pio X, a Treviso. Padre Pietro, infatti, non si risparmiò sino all'ultimo: a dispetto dell'età, correva dovunque lo chiamassero a officiare la "Messa di sempre" e a celebrare matrimoni nel rito antico. Anche molti veneti ricevettero dalle sue mani i tesori della tradizione cattolica e non lo hanno dimenticato.

Nella foto: Padre Pietro Locati Pime.

17 dicembre 2014