Invia articolo Stampa articolo
Sindaci Asl: Baio eletto presidente

Lecco (Lècch) - Il sindaco di Brivio, Felice Baio, è stato eletto presidente del nuovo consiglio di rappresentanza dei sindaci in seno all'Asl di Lecco. La Conferenza dei sindaci si è riunita per l’elezione giovedì alle ore 18, nella sala conferenze dell’Asl.

89 COMUNI. A presiedere la Conferenza è stato il presidente uscente Guido Agostoni (sindaco di Pasturo); ha partecipato il direttore sociale dell’Asl, Massimo Giupponi. Erano inoltre presenti 67 sindaci su un totale di 89 Comuni, che rappresentavano 283.408 abitanti, pari all’83,74% della popolazione provinciale.

ROSA DI CANDIDATI. Il presidente Agostoni ha proposto ai presenti una rosa di candidati, emersa da un confronto che nelle precedenti settimane ha visto coinvolti tutti gli amministratori locali. La conferenza ha concordato di procedere per votazione palese, per dare un segnale di trasparenza e soprattutto di unità di intenti.

GLI ELETTI. Sono stati eletti all’unanimità: presidente della conferenza e del consiglio di rappresentanza: Felice Baio (Comune di Brivio); vicepresidente della Conferenza: Patrizio Sidoti (Annone Brianza). Componenti del consiglio di rappresentanza: Ivano Donato (Lecco), Elena Zambetti (Ello), Massimiliano Vivenzio (Merate), Cristina Bartesaghi (Abbadia Lariana).

INDIRIZZO STRATEGICO. Ai nuovi componenti del consiglio di rappresentanza spetterà l’importante ruolo di indirizzo strategico sulla programmazione delle attività dei Comuni in materia di servizi sociali e di integrazione socio-sanitaria. Il presidente uscente, Guido Agostoni, ha voluto concludere questa sua esperienza con una riflessione ed un augurio ringraziando tutti coloro che l’hanno accompagnato e sostenuto in questo importante ruolo.

INTEGRAZIONE PROVINCIALE. Al termine della seduta ha preso la parola il presidente neoeletto, Felice Baio, che ha voluto innanzitutto ringraziare il suo predecessore. Baio ha inoltre aggiunto che «per quanto riguarda i contenuti, l’obiettivo è quello di continuare ad aumentare l’integrazione degli interventi a livello provinciale, superando sempre di più la dimensione distrettuale (pur garantendo le specificità locali), anche in vista della stesura dei prossimi Piani di zona».

Nella foto-galleria: un momento della votazione; Felice Baio, nuovo presidente e Guido Agostoni.

2 agosto 2014