Invia articolo Stampa articolo
Rotary club: cena con il governatore

Lecco (Lècch) - Il Rotary club Lecco ha ricevuto la visita del governatore del Distretto Rotary 2042, Alberto Ganna.

PRESTIGIOSI INCARICHI. Nella serata di mercoledì 23 luglio, il governatore del Distretto Rotary 2042 Alberto Ganna si è recato in visita presso il Rotary club Lecco e ha partecipato alla cena conviviale del sodalizio guidato dalla presidente Cinzia Cogliati. Socio dal 1993 del Rotary Busto Gallarate Legnano Ticino, del quale è stato anche presidente, Ganna ha assunto il titolo di governatore dopo avere ricoperto numerosi e prestigiosi incarichi all’interno del club.

ATTIVISSIMO. «È per me un piacere farvi conoscere un attivissimo Rotariano», ha detto nel corso della serata Cinzia Cogliati presentando il governatore ai membri del Rotary club Lecco e ricordando brevemente il focus della sua stessa presidenza avviata da poche settimane. «Una associazione di service quale è il Rotary – ha evidenziato Cogliati ] credo abbia l’obbligo morale di non mostrare indifferenza rispetto alle situazioni talora drammatiche che i cittadini del suo stesso territorio vivono».

CINQUE VALORI. Alberto Ganna, nel corso del suo intervento, ha fortemente ricordato i cinque valori fondanti del Rotary ] Service, Fellowship, Diversity, Integrity, Leadership – che «non sono mai cambiati e che, anzi, sempre più dovranno ispirare e improntare la nostra vita e la nostra azione», e l’operato di un «Club professionale che consente la possibilità di restituzione sociale».

LA LAMPADA. Dono dal significato fortemente simbolico da parte del governatore al Club di Lecco è stata una lampada taiwanese, che evoca il tema scelto dal presidente di Rotary international Gary Huang – originario di Taipei ] per l’anno 2014]2015: “Light up Rotary”. E proprio allacciandosi al tema scelto dal presidente Huang, Alberto Ganna ne ha proposto una doppia lettura, indicando due obiettivi comunque importanti. Se infatti il significato del tema è quello di “portare la luce del Rotary” laddove ce n’è più bisogno, dall’altro l’interpretazione è anche quella di “accendere la luce del Rotary”, ovvero di dare sempre più vitalità ed entusiasmo all’azione del Club stesso.

Nella foto: un momento della serata.

26 luglio 2014