Invia articolo Stampa articolo
Lomagna, dà fuoco alla Range Rover del marito e ingiuria i Cc

Lomagna (Lumàgna) - Incredibile episodio nella Brianza lecchese: una donna, forse a causa di dissidi familiari, ha tentato di incendiare l'auto del marito. Ma davanti ai carabinieri l'intera famiglia, la coppia e i due figli, ha fatto quadrato contro i militari. Questo è quanto verbalizzato dai carabinieri che hanno denunciato tutti i componenti della famiglia.

DISSIDI COL CONIUGE. Nella mattina di mercoledì i carabinieri del Nucleo radiomobile di Merate sono intervenuti, su richiesta dei Vigili del Fuoco, in una abitazione di Lomagna dove si era verificato un principio d’incendio. I militari hanno appurato che la padrona di casa, una quarantenne, probabilmente per dissidi con il coniuge, aveva appiccato un incendio alla porta del garage e all’auto del marito, una Range Rover, cospargendoli di benzina.

SPENTE DA SOLE. Le fiamme, per fortuna, si erano spente da sole provocando danni limitati. Allora la donna, secondo quanto accertato dai carabinieri, aveva colpito il fuoristrada in più parti con un corpo contundente. All’interno dell'auto della donna, i militari hanno rinvenuto un contenitore con residui di benzina, nonché un piede di porco che sarebbe stato usato per colpire la Range Rover. Questi oggetti sono stati sequestrati e la donna denunciata per tentato incendio e danneggiamento.

ACCESA LITE. Nel primo pomeriggio, però, l’intervento dei carabinieri si è reso nuovamente necessario: vicini di casa hanno segnalto una accesa lite all’interno dell’abitazione tra i componenti del nucleo familiare. Verso le 15.30 è stata inviata sul posto la pattuglia della Stazione di Casatenovo, allo scopo di placare gli animi.

AGGREDITI VERBALMENTE. Inattesa la reazione dei presenti: tutti i membri della famiglia, la stessa donna del mattino, il marito 50enne e i due figli, avrebbero aggredito verbalmente i militari. A conclusione dell’intervento, tutti e quattro sono stati denunciati per minaccia ed oltraggio a pubblico ufficiale.

4 luglio 2014