Invia articolo Stampa articolo
In Brianza rischio “rubinetti a secco”

Valmadrera - Gli annunciati interventi sulla rete idrica nella giornata di Domenica non riguardano solo i comuni di Malgrate e Valmadrera. I problemi dell'acquedotto Brianteo coinvolgono, in misura diversa, una grossa fetta di Brianza lecchese ed alcuni centri comaschi.

LAVORI NOTTURNI. Dopo la levata di scudi delle associazioni dei commercianti, infuriati per i disagi causati alle attività tursitiche, i sindaci di Valmadrera e Malgrate avevano ottenuto che i lavori sull'acquedotto venissero eseguiti nottetempo, limitando le possibili limitazioni dell'erogazione di acqua potabile dalle ore 0 al mezzogiorno di Domenica e non per tutta la giornata come inizialmente previsto.

CAVI ELETTRICI. Un imprevisto, però, ha esteso l'emergenza a tutta la Brianza. Spiega, infatti, Idroservice in un comunicato inviato ai Comuni: «Da un successivo sopralluogo, svolto nella giornata di ieri congiuntamente ai tecnici Enel, è emersa una condizione di particolare precarietà dei cavi di alimentazione elettrica e, sempre d’intesa con Enel, è stato valutata l’impossibilità di operare in sicurezza ad impianto attivo. Lo spegnimento dell’impianto, che si rende pertanto indispensabile, consentirà, da un lato, di intervenire in orario notturno, ma, dall’altro, richiederà l’interruzione totale dell’adduzione e potrà causare limitazioni di fornitura potenzialmente su tutto il territorio servito dall’acquedotto Brianteo».

SCARSA DISPONIBILITA'. Dunque, nella mattina di Domenica gli abitanti in una cinquantina di comuni brianzoli, in massima parte lecchesi, potrebbero subire «limitazioni di fornitura potenzialmente su tutto il territorio servito dall’acquedotto Brianteo». «Le limitazioni - continua il comunicato - potranno riflettersi in scarsa disponibilità idrica all’interno dell’intervallo tra le 0 e le ore 12. Idroservice assicura comunque il massimo impegno nel minimizzare il disservizio arrecato alle utenze. In questo contesto, Idroservice si rammarica per il disservizio che potrà verificarsi, ma richiama il carattere di assoluta imprevedibilità del guasto che si è verificato e la non procrastinabilità dell’intervento di riparazione».

19 luglio 2014