Invia articolo Stampa articolo
Lecco, defibrillatori offerti dal Rotary

Lecco (Lècch) - Prosegue il progetto Salvacuore Rotary, con l'assegnazione di un defibrillatore alla Polizia di Stato e uno all'istituto Parini di Lecco, che si andranno così ad aggiungere a quelli in dotazione dall'anno scorso a Polizia stradale, Carabinieri, Polizia municipale e Protezione civile dell'Ana.

INTERVENTO IMMEDIATO. Progetto Salvacuore Rotary è il nome dell'iniziativa lanciata dai tre Rotary club di Lecco (Le Grigne, Lecco e Manzoni) che intende creare una rete Pad (Pubblico accesso al defibrillatore) sul territorio di Lecco, in grado di garantire un intervento immediato e efficace all’interno e all’esterno delle realtà associative che sono state individuate, rendendolo disponibile anche alla cittadinanza tramite apposita segnaletica. La cerimonia di assegnazione dei nuovi defibrillatori si svolgerà giovedi 17 aprile presso il NH Pontevecchio di Lecco alla presenza dei tre Club, presieduti da Anita Discacciati (Lecco Le Grigne), Chiara Radaelli (Manzoni), Luigi Monolo (Lecco), e delle autorità cittadine.

FORMAZIONE DEI VOLONTARI. Lo sforzo del Rotary verte anche sulla formazione di squadre di volontari abilitati all'uso del defibrillatore.  L'anno scorso oltre 60 tra agenti e volontari Ana hanno conseguito il diploma. Quest'anno i corsi, già iniziati questa settimana, formeranno 52 agenti della Polizia e 15 tra docenti e bidelli dell'istituto Parini.

SULLE AUTOPATTUGLIA. Attualmente i mezzi circolanti delle tre forze dell'ordine hanno sempre a bordo il defibrillatore e la pattuglia è formata da agenti abilitati. Sia il pattugliamento della Statale 36 nel tratto tra Milano e Lecco, assegnata alla Polstrada di Lecco, e quello fino a Colico, che la presenza a manifestazioni pubbliche, comprese le partite del Lecco, garantiscono una presenza qualificata e rapida di operatori dotati del defibrillatore.

Foto-galleria: un defibrillatore; la consegna alle forze dell'ordine avvenuta lo scorso anno.

11 aprile 2014