Invia articolo Stampa articolo
Lecco, Bettega: “Gay usati per fini politici”

Lecco - Ferma contrarietà della Lega Nord: questo l'atteggiamento espresso dai consiglieri del Carroccio a Palazzo Bovara, in occasione dell'istituzione del registro delle unioni civili, accolto come una vittoria dai gruppi omosessuali lecchesi. Cinzia Bettega, capogruppo leghista, accusa la maggioranza guidata da Virginio Brivio di usare le istanze gay per sviare l'attenzione dai propri limiti amministrativi.

SECONDO COSCIENZA. "Sulla delibera per l’istituzione del registro unioni civili - spiega Bettega - i consiglieri della Lega Nord hanno preso posizione secondo coscienza. Tre componenti del gruppo (Giulio De Capitani, Giovanni Colombo e Stefano Parolari) sono intervenuti e hanno espresso una posizione critica che però non hanno tradotto in voto perché alla votazione non hanno partecipato. Io invece sono rimasta in aula fino alla fine".

SENZA OSTENTAZIONI. L'opposizione consiliare, Pdl compreso, ha abbandonato l'aula al momento del voto per esprimere un atteggiamento di ferma riprovazione nei confronti del provvedimento che "va a discapito della famiglia naturale, quella prevista dalla Costituzione, e fondata sull'unione di un uomo e di una donna". Cinzia Bettega, invece, è rimasta al suo posto pur motivando le sue forti perplessità. Ricordando che ognuno può scegliere "senza ostentazioni, con chi e come vivere", la capogruppo spiega, infatti, che "la formulazione della delibera sia nelle premesse sia nel regolamento ha molti punti però che non mi trovano d’accordo, quindi al momento del voto mi sono astenuta".

DISTRARRE L'ATTENZIONE. "Nell’intervento - chiarisce la consigliera leghista - ho evidenziato di non apprezzare che argomenti che avrebbero bisogno di una normativa a livello nazionale vengano trattati in una sala consiliare: il tutto a beneficio della visibilità personale di qualche consigliere, e con il fine di distrarre l’attenzione della città dagli evidenti limiti dell’attuale amministrazione guidata dal sindaco Brivio".

Nella foto: Cinzia Bettega.

3 ottobre 2013