Invia articolo Stampa articolo
“Voglio una polizia valsassinese” Critiche al sindaco di Ballabio

Ballabio - Poco sopra Lecco c'è chi sogna la ennesima polizia del Belpaese. Si tratta di una inedita Polizia della Valsassina caldeggiata dal sindaco di Ballabio, Luigi Pontiggia. La proposta, formulata direttamente al prefetto Antonia Bellomo, come rivelato dal quotidiano cartaceo locale, viene stroncata dall'opposizione consiliare ballabiese: "Un'idea balenga che produrrebbe un impegno dispersivo e confusionario", ribatte la lista civica di Ballabio Nostra.

DA BALLABIO A PREMANA. Una polizia locale unica per tutta la Valsassina? "Il problema del sindaco è che non riesce a copiare correttamente le proposte dell'opposizione consiliare": replica così Alessandra Consonni, capogruppo di Ballabio Nostra, all'ultima uscita pubblica di Pontiggia. "Persino i carabinieri - aggiunge - si sono divisi in due stazioni il controllo della Valsassina, a Introbio e Casargo, ed hanno inoltre il supporto di Lecco e Bellano. E' irrealistico pensare a una polizia locale unica della Valsassina con comando a Introbio che muova gli agenti da Ballabio a Premana".

TURNI DI NOTTE. L'esponente della civica spiega, invece, il senso della proposta originale. "Da anni - accusa Ballabio Nostra - di fronte all'incapacità del sindaco del Pd di garantire la sicurezza dei cittadini, abbiamo chiesto che Ballabio unisca le forze di polizia locale coi comuni limitrofi, a partire da Introbio. In questo modo, si potrebbe raggiungere un organico consistente in rapporto a un territorio ben circoscritto e limitato, cosa che consentirebbe la disponibilità di personale per turni di vigilanza notturna, quando il paese diventa terra di nessuno: qui, qualche notte fa, è scoppiata una bomba contro una banca...".

ARMI DA FUOCO. "Ricordo, infatti, che i nostri agenti di polizia locale - continua - sono dotati di armi da fuoco e addestrati al loro uso, quindi possono essere utilmente impegnati per la sicurezza pubblica. La proposta seria, dunque, è quella che porterebbe a disporre di 5 o 6 poliziotti concentrandoli nello spazio di pochi chilometri; invece la pensata di Pontiggia, che vorrebbe una sola polizia locale su un territorio tanto vasto come quello dell'intera Valsassina, è un'idea balenga che produrrebbe un impegno dispersivo e confusionario".

ORGANICO MINIMO. Consonni conclude riferendosi più strettamente alla situazione ballabiese. "Credo che Pontiggia abbia perso una buona occasione per stare zitto e per far dimenticare il tragicomico periodo in cui lui volle mettersi a capo della polizia locale. Pensi piuttosto a ripristinare l'organico minimo degli agenti ballabiesi che, dopo il pensionamento del comandante, è stato ridotto a due soli uomini con la perdita dell'ufficiale di polizia giudiziaria: i soldi, a giudicare da come vengono spesi in cose di cui non si sentiva la mancanza, a quanto pare ci sono".

Nella foto: gli effetti del recente attentato compiuto contro una banca di Ballabio.

24 luglio 2013