Invia articolo Stampa articolo
I Ragni piangono l'alpinista Giudici

Lecco - Verranno celebrati sabato i funerali di Cesare Giudici, storico alpinista lecchese morto l'altra notte.

STORIA DELL'ALPINISMO. "Ci ha lasciato un altro degli uomini che hanno fatto la storia del Gruppo Ragni e dell'’alpinismo italiano": così i Maglioni Rossi piangono Giudici, entrato a far parte del gruppo di scalatori a soli 17 anni. Cesare Giudici, classe 1936, è stato protagonista di alcune delle imprese più belle realizzate dai Ragni negli Anni ’50 e ‘60. Le capacità alpinistiche di Cesare sono state sempre riconosciute ed apprezzate anche al di fuori dell’ambiente lecchese, come dimostra la via da lui aperta sul Pilastro Sud-Ovest della Cima d’Ombretta, in Marmolada, portata a termine con un compagno d’eccezione come Toni Egger.

RICONOSCENZA E AFFETTO. "A lui - si legge in un comunicato del celebre gruppo di scalatori lecchesi - va la riconoscenza e l’'affetto di tutto il Gruppo Ragni". Le esequie di Giudici si terranno sabato 16 marzo alle ore 14,30 nella chiesa parrocchiale di Chiuso (Lecco). Il corteo funebre partirà dall'abitazione dello scalattore, sita in via Don Serafino Morazzone.

Nella foto (dal sito del Ragni): Cesare Giudici (a sinistra) con Giorgio Redaelli e Dino Piazza, prima della ripetizione della Bonatti al Dru.

14 marzo 2013