Invia articolo Stampa articolo
Il lecchese Stucchi presidente di Assil

Lecco – Il lecchese Aristide Stucchi è il nuovo presidente di Assil, l’Associazione nazionale produttori illuminazione aderente a Confindustria Anie. Succede a Patrizia Di Sano, che lascia la presidenza dell’associazione dopo 2 mandati.

LED EMERGENTE. Avvicendamento che è occasione per esporre bilanci e formulare prospettive. “Il mercato dell’illuminazione - dichiara Stucchi - nei prossimi anni subirà profonde trasformazioni. L’avvento delle nuove tecnologie sposterà sensibilmente la catena del valore. Questo fenomeno, se confermato, potrebbe creare problemi di marginalità e di individuazione di nuovi criteri di valore aggiunto". “La tecnologia Led in ambito illuminotecnico - continua - rappresenta senza dubbio il settore emergente, che necessita di essere costantemente monitorato da parte dell’associazione per favorire il dialogo con i componentisti (driver – moduli) e con le aziende produttrici dell’apparecchio finito”.

IL NUOVO DIRETTIVO. Trasformazioni in atto nel mercato che, anche da parte di Assil, richiedono necessari adeguamenti. "Raccogliendo il testimone dell’ottimo lavoro svolto dal mio predecessore – conclude il neo-presidente – intendo portare a termine il percorso di rinnovamento della nostra struttura associativa per aumentare la nostra rappresentatività e preservare l'eccellente vissuto di esperienza e tecnologia di cui le nostre aziende sono depositarie”. Stucchi sarà affiancato da un consiglio direttivo composto da: Roberto Barbieri (Osram Spa), Luca Bolla (Metalspot Spa), Dante Cariboni (Fivep Spa), Carlo Comandini (Vossloh-Schwabe Spa), Patrizia Di Sano (Disano Illuminazione Spa) Adolfo Guzzini (iGuzzini Illuminazione Spa), Gianfranco Librandi (Tci Srl) e Maria Letizia Mariani (Philips Spa div. lighitng).

SETTORE IN CRESCITA. Dopo un biennio difficile, l’industria dell’Illuminotecnica italiana rappresentata da Assil ha chiuso il 2011 con una crescita del volume d’affari complessivo del 5,0% a valori correnti (+1,1% la corrispondente variazione nel 2010, a fronte di una flessione del 19,1% nel 2009). Il comparto ha beneficiato del consolidamento della ripresa internazionale nella prima parte dell’anno sui principali mercati. Queste dinamiche sono testimoniate da un incremento delle esportazioni che sfiora in chiusura di 2011 il 10% (+7,1% la corrispondente variazione nel 2010). Si mantiene più debole il contributo del mercato interno (+4,2% la variazione nel 2011). La domanda domestica rivolta alle tecnologie illuminotecniche stenta a riprendere vigore, condizionata da una bassa dinamicità in termini di consumi e investimenti nel territorio nazionale.

Nella foto: Aristide Stucchi.

31 maggio 2012