Invia articolo Stampa articolo
Va a medico lecchese la cattedra Berenson

Lecco - Prestigioso incarico per un lecchese: Paolo Rusconi è stato chiamato alla cattedra “Berenson” in Cardiologia pediatrica dell’Università di Miami.

QUARTO TITOLARE. Circondato da colleghi, vecchi amici, e dai dirigenti della Scuola di Medicina “Leonard Miller” dell’Università di Miami, il dottor Rusconi ha ricevuto la Cattedra “Berenson” in Cardiologia pediatrica, diventando il quarto titolare del prestigioso ruolo che è stato istituito nel 1968 con il contributo di L. Stanley "Buddy" Berenson in memoria di suo padre, Richard. "Anche se loro non sono più con noi, la donazione di Buddy e Richard Berenson a sostegno dei problemi cardiaci dei bambini, continua il suo percorso», ha detto Donna Shalala, ex ministro della Sanità con l’amministrazione Clinton e attuale presidente dell’Università di Miami, alla cerimonia di investitura tenutasi presso il Centro “Mailman” per lo Sviluppo del bambino, lo scorso 30 marzo a Miami (Florida). "Sono molto orgogliosa - ha aggiunto - di medici come il dottor Rusconi, che portano prestigio e riconoscimento alla Scuola di Medicina “Leonard Miller” dell’Università di Miami, e sono orgogliosa di dotazioni come la Cattedra “Berenson”, che in realtà consente nel tempo di fornire sia agli studenti che ai pazienti la vicinanza alle menti migliori e più brillanti nel campo della medicina, anno dopo anno".

STORIA PRESTIGIOSA. "Il reparto di Cardiologia pediatrica dell'Università di Miami ha una storia prestigiosa" ha detto il professor Steven Lipshultz, Direttore della Pediatria", e il dottor Rusconi segue una lunga serie di rispettabili predecessori. Il programma di Cardiologia pediatrica dell’Università di Miami/Jackson Memorial ha fatto una lunga strada, partendo nel 1960 come divisione del National Children’s Cardiac Hospital. Rusconi ha un lavoro molto impegnativo da fare, ma non riesco a pensare ad un collega medico migliore e più adatto per questo lavoro".

LAUREATO A PAVIA. Dopo aver conseguito brillantemente la Laurea in Medicina e Chirurgia presso l'Università di Pavia, con la specializzazione in Cardiologia, Paolo Rusconi ha completato la sua formazione a Londra (Brompton Hospital) e poi negli Stati Uniti, dove a Indianapolis ha ottenuto la specializzazione in Pediatria nel 1993 e a Miami, presso l’Università di Miami / Jackson Memorial Hospital, nel 1996 ha conseguito la specialità in cardiologia pediatrica. Riconoscendo il suo ex collega come un "leader di pensiero" e "team builder" in cardiologia pediatrica, il dottor Andrew N. Redington, professore di pediatria presso l'Università di Toronto e capo della divisione di cardiologia presso l'Ospedale pediatrico di Toronto, si è recato appositamente dal Canada per celebrare l'onore del suo amico. "I genitori ed i pazienti devono essere orgogliosi di poter accedere sia ad un ottimo sistema che a un grande medico, nel campo altamente specializzato di cardiologia pediatrica", ha detto Redington.

DOVE BATTE IL CUORE. Di fronte a un murale con la scritta: "La speranza è dove batte il cuore" (nella fotogalleria), e con il brusio dei bambini in una scuola vicina che si sentono ridere e giocare, la presentazione della cattedra di Cardiologia pediatrica “Berenson” non poteva avere uno sfondo più appropriato. Ringraziando i suoi predecessori, mentori, benefattori, e pazienti, Paolo Rusconi ha riassunto la cerimonia dicendo: "Questo è un grande onore per me, ma l'onore più grande viene dal poter dare una nuova speranza ad ogni ragazzo ed alla sua famiglia."

Nella galleria fotografica: Paolo Rusconi, nato a Lecco nel 1956;  il Dr. Rusconi tra il Prof. Lipshultz e il presidente dell'università di Miami, Donna Shalala, con la “Berenson Chair”.

18 aprile 2012