Invia articolo Stampa articolo
La mostra su Silone fa tappa a Malgrate

Malgrate -   La mostra Itinerante di Ignazio Silone nel mondo "“L'’arte è un fiore selvaggio, ama la libertà"” fa tappa in quel di Malgrate nella quadreria Bovara Reina. L'esposizione, realizzata dal centro studi siloniani e dal Comune di Pescina (Aq), con il supporto dell’Archivio di Stato e della Regione Abruzzo e che ha avuto l’alto patronato della presidenza della Repubblica e della presidenza del consiglio dei Ministri, sarà inaugurata sabato 5 maggio alle ore 17.

LO SPETTACOLO. A fare da cornice all'apertura dell'evento culturale lo spettacolo «Puccini e le “more” di Silone - viaggio poetico-musicale tra “soavi fanciulle” e coraggiose eroine» ideato dall'’associazione culturale "“Il Melabò"”, previsto per sabato 5 maggio alle ore 18 nella sala consiliare del Comune di Malgrate. Nell'occasione gli attori lecchesi Gianfranco Scotti e Ancilla Oggioni, il soprano Daniela De Francesco, il tenore Giuseppe Riveras e il pianista Michele Santomassimo accompagneranno i visitatori attraverso un percorso che vedrà uno stimolante confronto tra la donna nell'opera letteraria di Ignazio Silone e le eroine nell'opera lirica di Giacomo Puccini. Si potranno rivivere alcuni momenti dei più famosi libri di Silone come Fontamara, Vino e pane, Il seme sotto la neve, La volpe e le camelie, Il segreto di Luca, Le speranze di Suor Severina, L'’avventura di un povero cristiano, e ascoltare le più belle famose e immortali arie per soprano e per tenore delle opere di Puccini: Donna non vidi mai (Manon Lescaut), Vissi d’arte, E lucevan le stelle (Tosca), Un bel dì vedremo (Madama Butterfly), Ch’ella mi creda (La fanciulla del West), Tu che di gel sei cinta, Nessun dorma (Turandot), Che gelida manina, Mi chiamano Mimì (Bohème), Senza mamma (Suor Angelica). Lo spettacolo ideato dal Melabò vuole essere un contributo originale alla mostra di Silone che, organizzata dal Comune di Malgrate in collaborazione con la Regione Lombardia e l'’Acel, è una ricostruzione documentaria del percorso fatto da Silone come uomo, come scrittore e come intellettuale. Il proposito è quello di sollecitare riflessioni attorno a tematiche di grande attualità sollevate dall'’opera e dalla vita di Silone; una per tutte: la tematica europea che vede Silone candidato a coscienza critica e morale di un'’Europa unita e federalista nel segno di valori socialisti e cristiani a un tempo, nei quali seppe mirabilmente riconoscersi e immedesimarsi, definendosi “socialista senza Partito e cristiano senza Chiesa”.

IL CONCERTO. Inoltre, domenica 6 maggio alle ore 16.30, la sala consiliare del Comune di Malgrate ospiterà un concerto - inserito nella rassegna “"Riflessi d'’arte",” curata dall'’associazione Mikrokosmos - al quale farà seguito, alle ore 17.30, una visita guidata alla mostra di Silone. Protagonista del concerto sarà il duo Fabio Furia (bandoneon) e Marcello Melis (pianoforte) con un programma interamente dedicato al tango argentino qui rappresentato da Piazzolla (Inverno Porteno; Verano Porteno; Adios nonino; Tangata), Villoldo (El Choclo), Melo (Desde el alma), Laurenz (Milonga de mis amores), Filiberto (Queias de bandoneon), Rodriguez (La cumparsita). La mostra itinerante resterà aperta fino a sabato 19 maggio: da lunedì a venerdì dalle 17 alle 19; sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19,30. Visite guidate per le scuole su prenotazione: 346-3666496, 347-6276272. Ingresso libero all'’intera manifestazione

2 maggio 2012